Home » Cronache del passato

Immagini del paese

Immagine 010.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9617937

Notizie del giorno

 
Cronache del passato
Sas noe contonadas[1] - 3a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Lunedì 15 Febbraio 2021 18:40

Racconti terrificanti di fantasmi e di anime dannate costrette a girovagare senza meta per le strade del paese nelle ore notturne hanno tormentato la mia infanzia e hanno turbato i miei sonni di bambino e di adolescente

di Carlo Patatu

M

a il racconto che più mi atterriva era quello della processione che, per consuetudine, si svolgeva la Domenica successiva alla festa del Corpus Domini. Solitamente nel mese di Giugno.

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Febbraio 2021 20:22
Leggi tutto...
 
Sas noe contonadas[1] - 2a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Sabato 13 Febbraio 2021 00:35

Racconti terrificanti di fantasmi e di anime dannate costrette a girovagare senza meta per le strade del paese nelle ore notturne hanno tormentato la mia infanzia e hanno turbato i miei sonni di bambino e di adolescente

di Carlo Patatu

D

iverso, invece, quando si affrontava il discorso di un altro genere di fantasmi. Di quelli, intendo dire, che non avevano l’abitudine di materializzarsi se non nella fantasia delle persone che ci credevano. E che (io ero fra queste) vivevano tali sensazioni come fossero fatti realmente accaduti, effettivi, concreti.

Ultimo aggiornamento Sabato 13 Febbraio 2021 00:51
Leggi tutto...
 
Sas noe contonadas[1] - 1a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Venerdì 12 Febbraio 2021 00:19

Racconti terrificanti di fantasmi e di anime dannate costrette a girovagare senza meta per le strade del paese nelle ore notturne hanno tormentato la mia infanzia e hanno turbato i miei sonni di bambino e di adolescente

di Carlo Patatu

L

a mia infanzia fu connotata dall’ossessione per il buio. Dentro il quale, immancabilmente, vedevo agitarsi i fantasmi, il fuoco dell’Inferno e le corna del diavolo che, ritto su piedi caprini neri e pelosi, faceva capolino tenendo saldamente in mano una sorta di forchettone. Pronto a infilzarmi e a portarmi chissà dove.

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Febbraio 2021 19:15
Leggi tutto...
 
Uno scempio che resta PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Mercoledì 10 Febbraio 2021 17:18

 

I lavori di restauro della parrocchiale di Chiaramonti, eseguiti nella seconda metà degli anni Sessanta del Novecento, ne snaturarono l’assetto interno voluto dal progettista - Cancellato un pezzo della nostra storia con l’assenso del clero e del Comune, nell’indifferenza dei chiaramontesi

di Carlo Patatu

U

n giovane lettore mi ha chiesto di sapere com’era l’interno della chiesa parrocchiale prima dei lavori di restauro eseguiti nelle seconda metà degli anni Sessanta del Novecento.

Provo ad accontentarlo, sperando di riuscirci.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Febbraio 2021 17:35
Leggi tutto...
 
Il bando pubblico – 4a e ultima parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Domenica 07 Febbraio 2021 20:35

Preceduto da uno squillo di tromba, il banditore diffondeva a voce piena per le strade del paese quelli che oggi, in televisione, sono  i messaggi pubblicitari o consigli per gli acquisti

di Carlo Patatu

U

n bel giorno (si era ormai negli anni Cinquanta), un annuncio importante fu diffuso da una voce insolita. Tanto forte e chiara che a ciascuno pareva provenire dalla finestra di casa. E che si udiva allo stesso modo, contemporaneamente, in tutti i rioni del paese. Nessuno escluso. Niente squilli di tromba, in apertura; ma un invito deciso, quasi perentorio: attenzione!

Ultimo aggiornamento Domenica 07 Febbraio 2021 20:42
Leggi tutto...
 
Il bando pubblico – 3a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Sabato 06 Febbraio 2021 11:05

Preceduto da uno squillo di tromba, il banditore diffondeva a voce piena per le strade del paese quelli che oggi, in televisione, sono  i messaggi pubblicitari o consigli per gli acquisti

di Carlo Patatu

N

el corso degli anni, la funzione svolta da questi due campioni autentici del bando pubblico fu assolta anche da tiu Sevadoricu e da tiu Pedrantoni. I quali erano bravi e coscienziosi; nel senso che coprivano tutti i rioni del paese con impegno e senza indulgere a trucchi di sorta. Stavano molto attenti a non tralasciare alcuna voce del lungo elenco che i negozianti (sempre ingordi) imponevano di dettagliare negli annunci.

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Febbraio 2021 11:18
Leggi tutto...
 
Il bando pubblico – 2a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Giovedì 04 Febbraio 2021 18:14

Preceduto da uno squillo di tromba, il banditore diffondeva a voce piena per le strade del paese quelli che oggi, in televisione, sono  i messaggi pubblicitari o consigli per gli acquisti

di Carlo Patatu

I

l primo banditore che ebbi modo di conoscere fu tiu Andrìa. Magro da fare impressione, era solito camminare caracollando, perché malfermo sulle gambe. Tant’è che dovette ritirarsi dall’attività anzitempo proprio perché le sue articolazioni avevano perso l’elasticità e non funzionavano più a dovere.

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Febbraio 2021 18:34
Leggi tutto...
 
Il bando pubblico – 1a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Mercoledì 03 Febbraio 2021 00:00

Preceduto da uno squillo di tromba, negli anni Quaranta del Novecento il banditore diffondeva a voce piena per le strade del paese quelli che oggi, in televisione, sono  i messaggi pubblicitari o consigli per gli acquisti

di Carlo Patatu

S

e è vero che la pubblicità è l’anima del commercio, la funzione del banditore pubblico ambulante, presente e attivo in paese fino agli anni Cinquanta, era di quelle deputate a svolgere un compito essenziale, indispensabile per la vita di un centro isolato qual era Chiaramonti negli anni a cavallo della seconda Guerra Mondiale.

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Febbraio 2021 20:36
Leggi tutto...
 
Su Vicariu[1] – 2a e ultima parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Domenica 31 Gennaio 2021 00:00

Negli anni Quaranta del Novecento, il vecchio parroco Pietro Dedola amministrava con rigore la parrocchia, curava con impegno le numerose confraternite e recava conforto al dolore dei familiari di chi passava a miglior vita; ma quando toccò a lui…

di Carlo Patatu

A

ppresa la notizia della scomparsa di un parrocchiano, padrino Dedola chiamava frettolosamente a raccolta un paio di chierichetti e, insieme al fedele Cicciu Ferru, si recava subito presso la casa colpita dal lutto.

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Gennaio 2021 18:21
Leggi tutto...
 
Su Vicariu[1] – 1a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Venerdì 29 Gennaio 2021 18:28

Negli anni Quaranta del Novecento, il vecchio parroco Pietro Dedola a,,inistrava con rigore la parrocchia, curava con impegno le numerose confraternite e recava conforto al dolore dei familiari di chi passava a miglior vita; ma quando toccò a lui…

di Carlo Patatu

N

ominato parroco di Chiaramonti nella primavera del 1931[2], proveniva da Usini; ma era originario di Tissi. Il suo nome era Pietro; però le gente gli si rivolgeva chiamandolo rispettosamente dottor Dedola.

Ultimo aggiornamento Venerdì 29 Gennaio 2021 18:38
Leggi tutto...
 
Assalto alla carrozza postale - 2a e ultima parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Venerdì 22 Gennaio 2021 19:09

Nel Maggio 1946, alcuni malfattori attaccarono la carrozza che trasportava la corrispondenza e i plichi speciali dalla stazione ferroviaria di Martis a Chiaramonti, uccidendo uno dei passeggeri

di Carlo Patatu

E

sauriti i convenevoli, i passeggeri montarono in carrozza. Giulio sedette Murruzzulu sul lato sinistro, accanto ai carabinieri. Mentre si arrampicava a cassetta, Garibaldi fece le solite raccomandazioni a Fanfulla, che pareva non ascoltarlo. Ma al carrozziere bastò far finta di allungare la mano verso la frusta per indurre il cavallo ad avviarsi e superare agevolmente il primo e più difficile tratto di strada che dalla stazione ferroviaria porta alla statale.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Gennaio 2021 19:21
Leggi tutto...
 
Assalto alla carrozza postale - 1a parte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Giovedì 21 Gennaio 2021 10:37

Nel Maggio 1946, alcuni malfattori attaccarono la carrozza che trasportava la corrispondenza e i plichi speciali dalla stazione ferroviaria di Martis a Chiaramonti e viceversa, uccidendo uno dei passeggeri

di Carlo Patatu

R

ecuide sos pizzinnos, chi ch’est in giru sa banda![1]

Tia Maria Pedruzza, la nostra dirimpettaia tutta ossa e rughe, scura in volto e con voce alterata, irruppe in cucina. Era mezzogiorno o giù di lì. Esile e minuta, la cara e simpatica vecchietta si era guadagnata l’appellativo affettuoso di Ziganta[2]; che però essa non gradiva. Cosa insolita, era scarmigliata e senza il fazzoletto sul capo. I suoi occhi piccoli, lucidi e neri, si aprivano spiritati sotto i sopraccigli, uno alto e uno basso.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Gennaio 2021 19:08
Leggi tutto...
 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 2 di 35