Home » Limba Sarda » Patatu Giuanne, poeta pintzionadu » Su lamentu de su conigliu

Immagini del paese

Immagine 016.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11067028

Notizie del giorno

 
Su lamentu de su conigliu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
Martedì 17 Giugno 2014 20:22

di Giovanni Patatu

Grazie alla segnalazione di un caro amico, ho saputo che mio padre, che si dilettava di comporre qualche verso in lingua sarda, come tanti della sua e della mia generazione, partecipò con un sonetto a un premio di poesia e risultò addirittura terzo classificato.

Mi permetto di proporre all'attenzione dei lettori quel sonetto, composto con la semplicità che connotava l'Autore. Il quale, da bravo elettricista qual era, si trovava a proprio agio più con fili, interruttori e pinze. Ma che non disdegnava, di tanto in tanto, di lasciarsi andare a trattare temi che, come in questo caso, parevano esulare da quelli che io, sbagliando, ritenevo i suoi interessi primari. (c.p.)

 

---


A nois puru criadu hat sa natura

pro viver che-i sos ateros in terra;

erva solu cherimus pro pastura,

ma tottu contr'a nois sunu in gherra.

 

Cantas curridas, ah, cant'apprettura:

nos che persighin da-e serra in serra.

Sas aes che saettas da-e s'altura,

sun contr' a nois puru in cuntierra.


Sos cazziadores hana sos permissos,

canes, battos, mazzones sempr'in cazza

non che persighin intro 'e sa tana.


Bocchende a nois si divertin issos,

paren chi cherfan destruer sa razza,

ma nois semus razza crionzana!

 


3° classificato al Premio di poesia sarda CREI-ACLI, Sassari 1989

Cfr. Vintichimb’annos de poesia sarda CREI-ACLI de Sardigna, ed Gallizzi, Sassari 2014, pag.33

 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Giugno 2014 21:36
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):