Home » Limba Sarda » Varie » L’aluviòn ‘n Sardegna

Immagini del paese

smatteo.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11099838

Notizie del giorno

 
L’aluviòn ‘n Sardegna PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Giovedì 23 Gennaio 2014 00:00

Una poesia di in dialetto pavese

di Rino Zucca

L'amico e nostro collaboratore Paolo Pulina ci ha inviato la poesia che segue in dialetto pavese, autore Rino Zucca. Oggetto: la recente alluvione in Sardegna. La pubblichiamo volentieri, ringraziando sia lui che l'autore. (c.p.)

---

Indè che l’acqua piuvanâ la scarsegiâ

gh’è rivà un’aluviòn

la Sardegna ’n dal mar la sa spegiâ

e l’acqua dal mar l’è ’l so bon.

 

Un tempural ecesiunal

l’ha mis a bagn Logudoro e dintorni

l’è parù ’l diluvi universal

l’acqua l’ha superà i cà e i so ’nterni.


In un atim i stra ièn diventà turent

e l’acqua a vista d’oc la cresiva

grand, picul, om e don capivan pù gnent

avivan pers d’ognun la so ’nventiva.


Olbia e Nuoro forse i pusè danegià

ma dramatich ièn i mort

fiö, ansiân e malà savivan pü ’n de’ndà

dramatica ’n l’acqua la so sort.


Tuti ’n l’acqua ’n pé par tèra

sensa ’na meta i scapavan

cumbativan contra la natura la so guèra

speravan ’n di sucurs ca ia salvavan.


L’impruvisasiòn l’è sempar ’na sciagura

l’ha truà i servisi ’mpreparà

l’acqua alta la fa a tuti pagura

specialment chi l’ha mai pruà.


La Sardegna l’è forta e curagiusa

e ’l salvabil l’avrân salvà

la natura quand la vör l’è disastrusa

via l’acqua gh’è tut da rinuà.


Cui ufert dla brava gent hân tirà sü la testa

adès hân riparà ’l riparabil e âncâ lur fân fèsta.


Sardegna – Lunedì 18 novembre 2013

---

Traduzione letterale a cura dell’autore

L’alluvione in Sardegna

di Rino Zucca

 

Dove l’acqua di pioggia scarseggia

è arrivata l’alluvione

la Sardegna nel mare si specchia

e l’acqua del mare è il suo buono.


Un temporale eccezionale

ha messo a bagno Logudoro e dintorni

è sembrato un diluvio universale

l’acqua ha superato le case e i suoi interni.


In un attimo le strade son diventate torrenti

e l’acqua a vista d’occhio cresceva

grandi, piccoli, uomini e donne capivan più niente

avevan perso ognuno la loro inventiva.


Olbia e Nuoro forse i più danneggiati

ma drammatici sono i morti

figli, anziani e malati non sapevano dove andare

drammatica nell’acqua la loro sorte.


Tutti nell’acqua a piedi scalzi

senza una meta scappavano

combattevano contro la natura la loro guerra

speravano nei soccorsi che li salvassero.


L’improvvisazione è sempre una sciagura

ha trovato i servizi impreparati

l’acqua alta fa a tutti paura

specialmente a chi l’ha mai provata.


La Sardegna è forte e coraggiosa

e il salvabile avranno salvato

la natura quando vuole è disastrosa

via l’acqua c’è tutto da rinnovare.


Con le offerte della brava gente han tirato su la testa

ora hanno riparato il riparabile e anche loro fanno festa.


Sardegna – Lunedì 18 novembre 2013

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Gennaio 2014 21:21
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):