Home » Limba Sarda » Sale Maria » Lampizos

Immagini del paese

Ch neve 2005.10.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 10452516

Notizie del giorno

 
Lampizos PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Venerdì 24 Giugno 2022 13:18

di Maria Sale


Lampizos isfòettan sa notte

cun chirrios,

fuende a rujaduras,

de s’istrada majarza de lugore.

 

Imbattini a baddijos e majones,

inue, chen’ispisinzu e a s’ispessada,

traessat lestra s’iscampulittada.


Che trumas iscantiàdas

ch’in s’isettu,

de lis porrire manos sun’appittas,

incrispidas peittas de iscradiadas,

inie, sun’arroccadas

pro iscarmentu.


In sa pigada,

inue fin truvende

su passu isalenadu, contr’a bentu,

a su montiju aerosu

a car’a mare.


De ludu e de pedra sa domitta,

chen’umbras

in bovida o in pamentu,

debadas sa giannitta ispalancada,

cun cara de rebelle

appoderada.

 


Traduzione in lingua italiana a cura dell’autrice:

 

Bagliori

 

Bagliori frustano la notte

coi bandoli,

che sfuggono agli incroci,

di strada ammaliatrice di splendore.


Giungono a vallate e a cespugli,

dove, senza fragore e di soppiatto,

passa veloce la sagoma fuggente.


Come armenti dispersi

che in attesa,

del porgere di mani sono ansiosi,

corrugate orme di scivolate,

son lì, incastrate

a far da monito.


Nella salita,

dove hanno incitato

il passo esausto, contro il vento,

sul colle vistoso

rivolto al mare.


Di fango e pietra la casetta,

senza ombre

in soffitto o pavimento,

invano la porta spalancata,

col viso di ribelle

che non molla.

 


Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg156-157.

Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Giugno 2022 13:26
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):