Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sinnos de sero

Immagini del paese

Mulino a vento 4.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11304842

Notizie del giorno

 
Sinnos de sero PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Sabato 22 Gennaio 2022 14:48

di Maria Sale

 

Cun s’umbra m’imbergo

in rosùras rujastras

de s’aera apprammàda,

cun nues aneddàdas

serrende

in lacanas istriziles

s’oru soliànu.

 

Su mare s’ispumat

sos chirrios trattiàdos

de nieddòre.

 

M’est diligu

su cantigu ‘e sa chigula,

cun boghe lastimosa

e chena novas

de mi dare.

 

Ammentos

m‘isvoligat  debadas.

 

M’appento

a ponner sinnos

cun raìga nodosa,

in pedra de mudare.

 

Unu ‘olu dèchidu

si pesat,

isvolatzende

in iscias semenadas:

est bantzigu in s‘aera

aunende chelu e terra.

 

Sa luna

est tzirighende

a s’atter’ala,

cun prommissas de lughe

allentorida.

 

M’est manu carignosa

‘ettada in palas.

 

 

Traduzione in italiano a cura dell’autrice

 

 

Segni della sera

 

Con l’ombra m’immergo

nel fondo rossastro

del cielo sferzato,

con nubi arricciate

chiudendo

in stretti confini

l’angolo assolato.

 

Il mare si schiuma

nei bordi segnati

dal nerume.

 

Mi è lieve

il cantar di cicala,

con voce pietosa

e senza novità

da dare in dono.

 

Ricordi

invano mi dipana.

 

Mi trastullo

a porre segni

in radici nocchiose,

che pietra diverranno.

 

Uno stormo aggraziato

si leva

svolazzando

fra valli seminate:

è come culla in aria

che unisce cielo e terra.

 

La luna

sta sfiorando

l’altro lato,

con promesse di luce

rugiadosa.

 

La sento mano affettuosa

sulla spalla posata.

 

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 152-155.

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Gennaio 2022 14:50
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):