Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Chiaramonti Al Caffè » Parte alla grande la 1a corrida chiaramontese

Immagini del paese

Murrone janas 5.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11344487

Notizie del giorno

 
Parte alla grande la 1a corrida chiaramontese PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Lunedì 14 Luglio 2008 11:06

Un successo travolgente, una partecipazione di pubblico straordinaria, un susseguirsi di esibizioni. Che, partite con qualche esitazione iniziale, si sono protratte fino alle ore piccole di venerdì notte. Con grande godimento degli spettatori, che hanno affollato la piazza Repubblica e la zona circostante i giardini pubblici. A fare da cornice allo spettacolo “Chiaramonti allo sbaraglio”, una sorta di corrida promossa e organizzata dai due bar centrali: Red’s e Zelig.

Gli ingredienti previsti c’erano tutti per decretare il successo dello spettacolo: sul palco allestito all’ingresso dei giardini, tenevano banco Franco Biddau nel ruolo a lui congeniale di “bravo presentatore”, affiancato da una splendida e spigliata Laura Villa nella veste, per lei insolita, di valletta e di cantante. Entrambi hanno condotto con brio e in allegria una serata da non dimenticare. Sia per l’originalità della formula che per la corposa partecipazione degli “artisti”.

A rompere il ghiaccio è stato Piero Moretti, serioso impresario edile, che ha cantato “Anima mia” e poi “Perdere l’amore”. Quindi è salita sul palco Gavinuccia Angioni, che ha fornito una personale interpretazione di "Heidy". Agli applausi, inizialmente generosi e incoraggianti, hanno fatto da contrappunto anche i suoni di tanti campanacci e il frastuono di coperchi, pentole e matraccas, che il pubblico non ha mancato di agitare. Per rallegrare la serata, soprattutto; ma anche per accompagnare lo spettacolo con una nota d’ironia. Che, in circostanze simili, non deve mancare mai.

Aperta la strada, c’è stato un susseguirsi d’iscrizioni. Anche da parte di giovani forestieri. Presentatore e valletta hanno avuto il loro bel da fare a mettere in fila i tanti volontari entrati di slancio in quell’arena virtuale. E che, noncuranti degli eventuali sberleffi degli spettatori, da mettere sempre nel conto, si sono cimentati in pubblico con disinvoltura inattesa e sorprendente. E così abbiamo avuto modo di apprezzare le perfomance di Lello Brundu e Clara Soddu ("Bella senz’anima"), di Marco Pischedda (severo dottore in economia) in tandem con Mimmo Cossiga; di Luca Marras e Michele Brundu jr. I quali hanno eseguito canzoni di successo del presente e del passato, sotto l'accorta regia di Manuel Casella, che sovrintendeva con perizia al funzionamento della strumentazione elettronica e alla scelta delle basi musicali.

Al microfono si sono alternati anche gruppi di bambini delle elementari, per la gioia di genitori e nonni, che li ascoltavano estasiati. Quindi hanno cantato Nino Manchia ("Margherita"), Simona Tedde in coppia con l’assessore Eugenio Brunu ("Danza"), Manuel e Simone Casella, Tore Muntoni, Luca Denanni. Renzo Fazzi, Salvatore Moraccini (maestro del coro chiaramontese), Gavina Barroccu, Carletto Moretti, le sorelle Solinas. E chiediamo scusa per eventuali omissioni. Infine meritano una menzione particolare, per la loro bravura e la bella voce, le sorelle Vanessa e Veronica Denanni. Che sono figlie d’arte e che, con doti innate di un certo spessore, potrebbero anche affermarsi, in futuro. C’è da dire, infatti, che entrambe sono figlie di Franco Denanni, oggi una delle più belle voci del canto sardo. Il premio posto in palio dagli organizzatori (un fustino di birra!) è stato assegnato dalla giuria, ex aequo, a Gavinuccia Angioni e a Piero Moretti.

Che dire? L’iniziativa, portata avanti non senza difficoltà e con qualche bastone fra le ruote, ha avuto successo. Lo spettacolo, a costo zero, ha regalato una serata di festa e di buonumore a questo paese, solitamente sonnacchioso e popolato da gente scarsamente disponibile a mettersi in discussione e a confrontarsi in pubblico. Ecco perché l’idea va perseguita e, se possibile, perfezionata. I chiaramontesi, tutto sommato, mostrano di sapere rispondere, se opportunamente sollecitati. Pertanto, "...a un’ater’annu mezus!".

 

Le foto sono di Tinuccio Pinna; dall'alto in basso: le sorelle Vanessa e Veronica Denanni, Piero Moretti, Gavinuccia Angioni.

Clicca qui per vedere le foto della nostra galleria.

Ultimo aggiornamento Domenica 31 Agosto 2008 17:40
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):