Home » Chiaramontesi lontani » I successi del Gruppo Alimentare Sardo dei Murgia

Immagini del paese

Castello 11.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11067095

Notizie del giorno

 
I successi del Gruppo Alimentare Sardo dei Murgia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Sabato 14 Marzo 2020 19:19

Sorta per iniziativa di un chiaramontese, oggi l’azienda si colloca al 78° posto fra le mille realtà produttive più importanti della Sardegna e guarda al futuro con fiducia, nonostante la crisi in atto

di Carlo Patatu

I

l Gruppo Alimentare Sardo Spa con sede in Sassari a Predda Niedda, fondato e presieduto dal chiaramontese Vincenzo Murgia, occupa il 78° fra le mille aziende più importanti dell’Isola censite dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio sassarese.

Ne ha dato notizia La Nuova Sardegna, che oggi ha dedicato all’argomento un corposo inserto di ben 48 pagine, 16 delle quali dedicate a una lunga e complessa tabella che elenca le mille ditte, disposte in ordine decrescente per volume di fatturato prodotto nell’anno 2018.

Il Gruppo, preceduto nella classifica soltanto da colossi come la SARAS di Sarroch, il Banco di Sardegna e Tiscali, tanto per citarne alcuni, nell’anno considerato ha effettuato vendite e prestato servizi per poco meno di 25 milioni di euro, mediamente oltre due milioni mensili, con uno sviluppo del 4,3% rispetto al 2017 e con una serie di dati molto incoraggianti relativamente ad altri parametri presi in considerazione dallo studio citato.

L’azienda conta 38 dipendenti fissi; ma sono di gran lunga superiori al centinaio le unità che, a titolo vario, vi prestano attività lavorativa. Una bella realtà, dunque, che affonda le radici nel lontano 1968, quando Giovannino Murgia senior, padre dell’attuale presidente, aveva costituito a Chiaramonti una piccola ditta con un socio locale. Vincenzo, all’epoca quattordicenne e studente di scuola media, seguiva il genitore come un’ombra. Tant’è che, raggiunta l’età canonica, divenne il suo principale e più stretto collaboratore.

Successivamente, la sede dell’azienda fu trasferita a Sassari. Dopo di che Vincenzo Murgia, forte del consenso di suo padre e della collaborazione dei giovani figli Giovannino e Manuel, ha liquidato la prima ditta e ne ha fondato una nuova, che presiede tuttora e di cui fanno parte i suoi familiari: è nato così il Gruppo Alimentare Sardo, che a Predda Niedda, zona industriale di Sassari, dispone di una sede con oltre 12 mila metri quadrati di superficie, di cui seimila coperti.

A mano a mano che gli anni passavano, il Gruppo mieteva successi e polverizzava record, assestandosi su posizioni di tutto rispetto nel mercato isolano e non solo. Murgia ha aderito fin da subito alla CIC-Cooperativa Italiana Catering con sede a Pioltello, cintura milanese, diventandone poi presidente. Carica che ancora ricopre.

Tempo fa, nel corso di una chiacchierata, mi disse che la sua azienda “è finalizzata soprattutto a promuovere la produzione locale. Paste, dolciumi, formaggi, salumi, vini che sono frutto dell’inventiva e dell’operosità di piccole aziende a gestione cooperativistica o familiare. Prodotti che conservano profumi e sapori tradizionali della Sardegna. Non tralasciando, ovviamente, quanto di meglio offre, in materia di ristorazione e catering, il panorama internazionale”. Si dichiara da sempre orgoglioso di “lavorare per ricavare profitti da reinvestire in Sardegna e non oltremare”.

A conferma del suo attaccamento all’isola e al paese natio, Vincenzo Murgia, quando può, non manca di prendere in considerazione Chiaramonti.

Posso dire pubblicamente che di questo imprenditore di successo, che ho conosciuto fin da bambino, vado orgoglioso come fosse mio figlio? Sì, credo proprio di poterlo dire a voce alta e lo faccio senza remora alcuna. Accompagnando questa mia dichiarazione con i complimenti per i successi finora conseguiti e con gli auguri perché possa ottenerne ancora maggiori in futuro. A dispetto della congiuntura economica. Che non è buona, stante la diffusione del coronavirus.

Bravo, Vincenzo! Animo! In paese facciamo il tifo per te. Anche questa prova sarà superata. Chi la dura la vince.

Ultimo aggiornamento Domenica 15 Marzo 2020 10:08
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):