Home » Limba Sarda » Sale Maria » Notte de astrau

Immagini del paese

Murrone janas 1.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11090484

Notizie del giorno

 
Notte de astrau PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Mercoledì 09 Ottobre 2019 11:17

di Maria Sale


Sutta su chelu ‘e ramine

ispinzellan buttios de sambene

infustos in s’unda

ch’istizat sa notte.

E tue,

cane berdulariu,

urulas e appeddas istanotte

a metida ‘e disconsolu!

A bogh’e isgramu

e beste ‘e dolu

pienas sa bovida seria.


E nd’ischidas

e assustas

che boghe de intragnas de terra,

e ti pesas cun disisperu

in custa notte de luna

pro assentare in su cabulare

lestru de ogni die,

chi s’anima est puru

in sa ‘oghe tua.


O debadas

pesas boghe istanotte,

cane ch’urulende no drommis,

e ischidas

cun su lentolu frittu

de sas laras tuas.


Traduzione a cura dell’autrice


Gelida notte


Sotto il cielo di rame

spennellano gocce di sangue

intrise nell’onda

che chiazza la notte.

E tu,

cane vagabondo,

ululi ed abbai stanotte

con vociare sconsolato!

Con urlo disperato

e veste di dolore

riempi il placido soffitto.


E svegli

e fai trasalire,

quale voce del ventre terreno,

e ti ergi con disperazione

in questa notte di luna

per annottare nello scorrere

veloce dei giorni,

che l’anima vi è pur

nella tua voce.


O invano

urli stanotte,

cane che ululando non dormi,

e che desti

col gelido lenzuolo

delle tue labbra.


Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 108-109.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Ottobre 2019 11:25
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):