Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 11

Immagini del paese

Ch arcobaleno 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6896328

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 11 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Giovedì 21 Giugno 2018 12:49

di Maria Sale


SABIENTZIA - CAPITULU 11

1) Issa at fatu resessire sas fainas insoro pro mesu de unu santu profeta,

2) an atraessadu unu desertu de malu accasazu, an piantadu sas tendas insoro in terrinos redossos,

3) an paradu fronte a sos inimigos, e che los an catzados. Su meraculu de s’abba. Primu contrapassu

4) Cando aian sidis, t’an invocadu e lis est istada dada s’abba da una runda mala, rimediu contras de su sidis da una rocca dura.

5) Su chi fit servidu a punire sos inimigos insoro, in su bisonzu, lis est istadu de benfitziu.

6) In giambu de sa currente de unu riu fitianu, triuladu de sambene pudidu,

7) pro iscammentu de unu decretu mortore de pitzinnos, tue lis as dadu, chena chi si l’ispeteran, abba bundante,

8) mustrende, pro su sidis de tando, comente aias punidu sos inimigos insoro.

9) Difatti, postos a sa proa, mancari punidos cun miserigordia, an cumpresu cales turmentos aian patidu sos malos, zuigados in mamentu de arrabiu,

10) pruite tue as proadu sos unos comente unu babbu chi curreget, mentres chi as iscandagliadu sos ateros comente unu re severu chi cundennat.

11) Atesu o acurzu sun su matessi tribulados,

12) pruite lis est giompidu unu dolore a doppiu e un’isgramu pro sos ammentos passados.

13) Cando difatis an ischidu chi dae su castigu insoro cuddos ateros retzian benefitzios, an intesu sa presentzia de su Segnore;

14) ca su chi, una olta, aian iscandalizidu e duncas respintu cun beffas, l’ammiraian a sa finitìa de sos fatos, poi de àere patidu unu sidis divessu meda dae cussu de sos giustos. Moderatzione divina pro s’Egittu

15) Pro sos meledos chena cabu de s’insoro ingiustiscia, ingannados, an veneradu coloras chena rejone e viles animales. Tue lis as imbiadu in castigu una massa de animales chena rejone;

16) pro chi esseran cumpresu chi cun cussas matessi cosas chi unu faghet peccadu, cun cussas e totu est castigadu.

17) Tzertu, no aiat dificultade sa manu tua onnipotente, chi aiat criadu su mundu da una materia chena fromma, a lis mandare una truma de ursos e leones ferotzes

18) o belvas isconnotas, criadas apposta, pienas de furore, o chi ‘ettaian alenos de fogu o chi lampaian uppores putzolentes o chi fulminaian cun sas istinchiddas malas de sos ojos.

19) Bestias de sas cales, non solu, s’airu los podiat distruere, ma los podiat annientare fintzas sa chiza insoro ispramosa.

20) Puru chena custu podian tzedere cun-d’unu sulu, persighidos dae sa giustiscia e isperdisciados dae sa potentzia sua. Ma tue as dispostu totu cun misura, calculu e pesu.

Rejones de sa moderatzione

21) Binchere cun sa fortza t’est sempre possibile, chie si podet ponnere contras de su podere de su bratzu tou?

22) Totu su mundu addainanti a tie est comente piuere in s’istadea, comente unu ’uttiu de lentore manzanile rutu subra sa terra.

23) As cumpassione de totu, pruite tue podes totu, no abbaidas a sos peccados de sos omines chi sun approba a si penetire.

24) Ca tue amas totu sas cosas chi isistin e no dispretzias nudda de totu su chi as criadu, si eperas odiadu calchi cosa, no l’aisti mancu criada.

25) Comente podet isistere una cosa si tue no lu cheres? O si podet mantennere si tue no l’aisti giamada esistentzia?

26) Tue risparmias totu sas cosas, pruite sun totu cosas tuas, Segnore, amante de sa vida,

 

Testo in italiano

Sapienza - Capitolo 11

[1]Essa fece riuscire le loro imprese per mezzo di un santo profeta:

[2]attraversarono un deserto inospitale, fissarono le tende in terreni impraticabili,

[3]resistettero agli avversari, respinsero i nemici.

Il miracolo dell'acqua. Primo contrappasso

[4]Quando ebbero sete, ti invocarono e fu data loro acqua da una rupe scoscesa, rimedio contro la sete da una dura roccia.

[5]Ciò che era servito a punire i loro nemici, nel bisogno fu per loro un beneficio.

[6]Invece della corrente di un fiume perenne, sconvolto da putrido sangue

[7]in punizione di un decreto infanticida, tu desti loro inaspettatamente acqua abbondante,

[8]mostrando per la sete di allora, come avevi punito i loro avversari.

[9]Difatti, messi alla prova, sebbene puniti con misericordia, compresero quali tormenti avevan sofferto gli empi, giudicati nella collera,

[10]perché tu provasti gli uni come un padre che corregge, mentre vagliasti gli altri come un re severo che condanna.

[11]Lontani o vicini erano ugualmente tribolati,

[12]perché un duplice dolore li colse e un pianto per i ricordi del passato.

[13]Quando infatti seppero che dal loro castigo quegli altri ricevevano benefici, sentirono la presenza del Signore;

[14]poiché colui che avevano una volta esposto e quindi respinto con scherni, lo ammiravano alla fine degli eventi, dopo aver patito una sete ben diversa da quella dei giusti.

Moderazione divina verso l'Egitto

[15]Per i ragionamenti insensati della loro ingiustizia, da essi ingannati, venerarono rettili senza ragione e vili bestiole. Tu inviasti loro in castigo una massa di animali senza ragione,

[16]perché capissero che con quelle stesse cose per cui uno pecca, con esse è poi castigato.

[17]Certo, non aveva difficoltà la tua mano onnipotente, che aveva creato il mondo da una materia senza forma, a mandare loro una moltitudine di orsi e leoni feroci

[18]o belve ignote, create apposta, piene di furore, o sbuffanti un alito infuocato o esalanti vapori pestiferi o folgoranti con le terribili scintille degli occhi,

[19]bestie di cui non solo l'assalto poteva sterminarli, ma annientarli anche l'aspetto terrificante.

[20]Anche senza questo potevan soccombere con un soffio, perseguitati dalla giustizia e dispersi dallo spirito della tua potenza. Ma tu hai tutto disposto con misura, calcolo e peso.

Ragioni di questa moderazione

[21]Prevalere con la forza ti è sempre possibile; chi potrà opporsi al potere del tuo braccio?

[22]Tutto il mondo davanti a te, come polvere sulla bilancia, come una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra.

[23]Hai compassione di tutti, perché tutto tu puoi, non guardi ai peccati degli uomini, in vista del pentimento.

[24]Poiché tu ami tutte le cose esistenti e nulla disprezzi di quanto hai creato; se avessi odiato qualcosa, non l'avresti neppure creata.

[25]Come potrebbe sussistere una cosa, se tu non vuoi? O conservarsi se tu non l'avessi chiamata all'esistenza?

[26]Tu risparmi tutte le cose, perché tutte son tue, Signore, amante della vita,

 

11 - continua

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Giugno 2018 12:55
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):