Home » Limba Sarda » Cossu Lucio » Lagrimas d’eranu[1]

Immagini del paese

Immagine 016.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6663125

Notizie del giorno

 
Lagrimas d’eranu[1] PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Mercoledì 13 Giugno 2018 12:58

di Lucio Cossu


Non chelzo chi a su piantu t’ischidèras

e a sos isgramos mios in custu altare,

ue, che zegu appalpende e senza isperas

custu màmmaru surdu a ogni pregare,

 

a sos bentos ti giamo e a sas aeras,

si pro sorte su ‘eranu in primu intrare

in fiore mi torred’e in lumeras

su chi ‘ettàdu ch’hat s’ierru in fundu ‘e mare.


S’isposa mia cun fide e disfortuna

a Tie l’intrego, o Mama ‘e su dolore,

e dogni sole e ogn’ijarida ‘e luna


che fiamas l’azzendan s’iscurore,

pro chi vergin’e lagrima peruna

siad’ogni ogiu piedosu e pregadore.


Zaramonte, Aprile 1985



[1] Il sonetto è dedicato alla sua sposa Anna Maciocco, nata a Chiaramonti il 26.10 1926 e ivi deceduta il 17.03.1985. Le due terzine sono state trascritte sulla lapide della tomba di famiglia, nel cimitero di Chiaramonti.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Giugno 2018 13:08
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):