Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: sa Sabientzia - capitulu 10

Immagini del paese

Chiesa Cunventu 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6663108

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: sa Sabientzia - capitulu 10 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Mercoledì 06 Giugno 2018 00:00

di Maria Sale

III. Sa sabientzia obera in s’istoria dae Adamo a Mosè

1) Issa at bardadu su babbu de su mundu, prima criadura de Deus, cand’est istadu criadu a su solu, poi l’at liberadu de sa rutta sua,

2) e l’at dadu sa fortza pro dominare totu sas cosas.

3) Ma unu ingiustu, istrejendesiche dae issa, in s’arrabiu sou morit pro s’arrennegu sou bocchidore de frades.

4) Pro causa sua sa terra est istada coberta de abba, ma sa sabientzia l’hat salvada de nou, ghiende su giustu e pro mesu de unu miseru bicculu ‘e linna.

5) Issa cando sas zentes fin cunfusas, cuncordas solu in su faghere male, at connotu su giustu e l’at tentu chena mancia peruna addainanti a Deus, e l’at mantesu forte cun sa teneresa chi s’at pro unu fizu.

6) E mentres chi sos malos morian, at salvadu su giustu, chi fuiat dae su fogu rutu subra sas chimbe tzitades.

7) Cale testomonìa de cussa zente mala isistit ancora una terra desolada, arrida, cun sas arvures chi produin frutures chi restan cruas e pro ammentu de un’anima incredula, si pesat una colunna de sale.

8) Istrejendesi dae sa sabientzia, no solu an appidu su dannu de no connoschere su bene, ma an lassadu a sos bios un’ammentu disattinadu, ca sas gulpas insoro non sun restadas cuadas.

9) Ma sa sabientzia at liberadu sos devotos suos dae sas suferentzias,

10) issa at gitu in sos caminos deretos su giustu chi fuiat a s’ira de su frade, l’at mustradu su regnu de Deus e l’at dadu sa connoschentzia de sas cosas santas, l’at dadu fortuna in sas fadigas suas e abbundantzia de fruttos in su tribagliu sou.

11) L’at assistidu contr’a s’avaritzia de sos inimigos e l’at fatu riccu,

12) l’at bardadu dae sos inimigos, l’at costoìdu contr’a chie l’infadaiat, l’at fatu ‘inchere in-d’una lotta dura, pro chi ischerat chi sa piedade est pius potente de totu.

13) Issa no at abbandonadu su giustu ‘endidu, ma l’at bardadu dae su peccadu.

14) Est falada cun issu in sa prejone, no l’at abbandonadu cando gighiat sas cadenas, fintzas chi no l’at procuradu un’iscettru de re e l’at dadu podere contras de sos inimigos, at iscaratzadu comente faularzos sos chi l’an accusadu e l’at dadu una gloria eterna. S’esodo - Sa ‘essida

15) Issa at liberadu unu populu santu e una zenia chena mancia da una natzione de oppressores.

16) Est intrada in s’anima de unu teraccu de su Segnore e s’est contrammissa cun ispantos e signales a sos res ispramosos.

17) At dadu a sos santos sa ricumpensa de sas penas insoro, los at ghiàdos in-d’un’istrada meravizosa, est diventadu ampàru insoro a de die e lughe de istellas in sa notte.

18) Lis at fatu attraessare su Mar Rosso, gitendechelos pro atraessare abbas meda,

19) At cobertu, invece, sos inimigos insoro e che los at bettados in s’isprefundu.

20) Pro custu sos giustos an ispozadu sos malos e an fatu famàdu, Segnore, su nomene tou santu e an lodadu cuncordos sa manu tua àmparadora,

21) Pruite sa sabientzia aiat abertu sa ‘ucca de sos mudos e aiat isgioltu sa limba de sos minores.

 

Testo in italiano

 

Sapienza - Capitolo 10

III. La sapienza opera nella storia

Da Adamo a Mosè

[1]Essa protesse il padre del mondo, formato per primo da Dio, quando fu creato solo; poi lo liberò dalla sua caduta

[2]e gli diede la forza per dominare su tutte le cose.

[3]Ma un ingiusto, allontanatosi da essa nella sua collera perì per il suo furore fratricida.

[4]A causa sua la terra fu sommersa, ma la sapienza di nuovo la salvò pilotando il giusto e per mezzo di un semplice legno.

[5]Essa, quando le genti furono confuse, concordi soltanto nella malvagità, riconobbe il giusto e lo conservò davanti a Dio senza macchia e lo mantenne forte nonostante la sua tenerezza per il figlio.

[6]E mentre perivano gli empi, salvò un giusto, che fuggiva il fuoco caduto sulle cinque città.

[7]Quale testimonianza di quella gente malvagia esiste ancora una terra desolata, fumante insieme con alberi che producono frutti immaturi e a memoria di un'anima incredula, s'innalza una colonna di sale.

[8]Allontanandosi dalla sapienza, non solo ebbero il danno di non conoscere il bene, ma lasciarono anche ai viventi un ricordo di insipienza, perché le loro colpe non rimanessero occulte.

[9]Ma la sapienza liberò i suoi devoti dalle sofferenze:

[10]essa condusse per diritti sentieri il giusto in fuga dall'ira del fratello, gli mostrò il regno di Dio e gli diede la conoscenza delle cose sante; gli diede successo nelle sue fatiche e moltiplicò i frutti del suo lavoro.

[11]Lo assistette contro l'avarizia dei suoi avversari e lo fece ricco;

[12]lo custodì dai nemici, lo protesse da chi lo insidiava, gli assegnò la vittoria in una lotta dura, perché sapesse che la pietà è più potente di tutto.

[13]Essa non abbandonò il giusto venduto, ma lo preservò dal peccato.

[14]Scese con lui nella prigione, non lo abbandonò mentre era in catene, finché gli procurò uno scettro regale e potere sui propri avversari, smascherò come mendaci i suoi accusatori e gli diede una gloria eterna.

L'Esodo

[15]Essa liberò un popolo santo e una stirpe senza macchia da una nazione di oppressori.

[16]Entro nell'anima di un servo del Signore e si oppose con prodigi e con segni a terribili re.

[17]Diede ai santi la ricompensa delle loro pene, li guidò per una strada meravigliosa, divenne loro riparo di giorno e luce di stelle nella notte.

[18]Fece loro attraversare il Mar Rosso, guidandoli attraverso molte acque;

[19]sommerse invece i loro nemici e li rigettò dal fondo dell'abisso.

[20]Per questo i giusti spogliarono gli empi e celebrarono, Signore, il tuo nome santo e lodarono concordi la tua mano protettrice,

[21]perché la sapienza aveva aperto la bocca dei muti e aveva sciolto la lingua degli infanti.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Giugno 2018 19:01
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):