Home » Limba Sarda » Varie » Ricordo di Paolo Pillonca

Immagini del paese

Immagine 022.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6896351

Notizie del giorno

 
Ricordo di Paolo Pillonca PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Lunedì 28 Maggio 2018 00:00

Scomparso un grande giornalista al servizio degli emigrati

di Paolo Pulina

Il 26 maggio 2018, a due settimane dalla scomparsa del prof. Manlio Brigaglia (Tempio Pausania, 12 gennaio 1929-Sassari, 10 maggio 2018), il mondo dell’emigrazione sarda, e in particolare la F.A.S.I. (Federazione delle 70 Associazioni Sarde nell’Italia continentale), hanno perso un altro grande amico: il giornalista e scrittore Paolo Pillonca, nato a Osilo (SS) l’8 ottobre 1942.

Tutte le volte che ho potuto ascoltarlo presso qualcuno dei circoli degli emigrati, non potevo non notare il metodo abitudinario di prendere diligentemente appunti nei suoi minuscoli bloc-notes, a registrare con il suo registratore tascabile, a fare fotografie, prima con la macchina fotografica poi col telefonino.

Da ammirevole uomo di comunicazione, Paolo sentiva il dovere di restituire in forma di resoconto – o su un quotidiano, o su un periodico o sulla sua rivista Làcanas – il senso di quella determinata iniziativa culturale: che esiste, come si sa, nella misura in cui lascia tracce concrete dal punto di vista dei contenuti e non tanto se di essa ci restano solo immagini “epidermicamente” fotografiche. E per questo era anche lodevole la cura con cui raccoglieva annualmente i suoi “pezzi” facendone dei libri che permettevano da subito, e permettono ancora oggi, di far vivere le testimonianze raccolte oltre l’arco di tempo del quotidiano.

Sono andato a rileggermi le pagine del volume “Il silenzio. La parola. Sentieri dell’anima sarda” (dicembre 2003), in cui, dopo averlo fatto per La Nuova Sardegna, Paolo pubblica il resoconto della sua partecipazione alla celebrazione de Sa Die de sa Sardigna organizzata a Bergamo (26 aprile 2003) dai circoli sardi della Lombardia.

Paolo, che pure di quell’evento non fu semplice testimone, dà l’onore della parola a tutti gli altri (compreso chi scrive): l’importante per lui era realizzare il servizio (e non solo in senso burocraticamente giornalistico), raccontare ciò che è successo, con nome e cognome dei protagonisti,

Venne a Pavia, tanti anni fa, e dai colloqui con diversi emigrati (di cui annotò e riportò con precisione nome e cognome e paese sardo di origine) ricavò materia per un reportage in sardo che fece bella mostra di sé, per tanto tempo, nella bacheca del Circolo Logudoro.

Ecco, per questo bisogna dire grazie a Paolo Pillonca. Molti dirigenti dei circoli sardi hanno avuto una visibilità in Sardegna: Paolo credeva che la meritassero per il loro impegno al servizio permanente effettivo della valorizzazione dell’immagine della Sardegna e per questo era felice di condividere l’amicizia con tanti uomini e donne del popolo sardo de su disterru. Esse ed essi gli manifestavano sincero affetto e ora, sicuramente, al pensiero di aver perso un così grande amico alla mano, lo piangono e rimpiangono con commozione.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Maggio 2018 16:56
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):