Home » Limba Sarda » Sale Maria » Abboju de Atunzu

Immagini del paese

Murrone janas 2.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11274295

Notizie del giorno

 
Abboju de Atunzu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Giovedì 25 Febbraio 2016 00:00

1° premio al 25° concorso “Sant’Antoni de su o’u” 2016 di Mamoiada

di Maria Sale

 

In camineras longas

si giunghent a pare

farfaruzas de lughe,

cun s’isciallu

de peraulas truncadas.


Arvada ‘e tempus

iscurrizat,

bajulende traschias.


In pijas d’anima

s’annoditant

sas atzas domadas,

e s’afianzant

s’iscuta

ch’est cabulada,

cun s’iscàmpiu ‘eladu

de arzola isfatta.


Bentu pasadu

s’accerat

chena pius marranias

de messeras metzanas,

sunt sas attas pistas

e cunsumidas

de messadorzas sueradas.

Chircant su neuddu

de innidos bisos

postos in mannujos

de ispiga ispinosa.


Nuscu de pesùdu piuere

abbojat in raglia.


Infraustu ‘e fozas

chena ‘este ne umbra,

chena tempus de incunza,

inchizat bentìnu

a chelos de Atunzu.


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Traduzione, a cura dell’autrice

 

Incontro autunnale

 

Tra lunghi sentieri

si aggiogano insieme

briciole di luce,

con lo scialle

di parole spezzate.


Il vomere del tempo

scorrazza,

sopportando inclemenze.


Fra le pieghe dell’anima

si distinguono

le audacie ammansite,

e proteggono

l’attimo

che è trascorso,

con lo scomparir velato

dell’aia disfatta.


Vento placato

s’affaccia

senza più le sfide

di scadenti raccolti,

sono ormai le lame

peste e consumate

di sudate falci.

Cercano il midollo

dei sani germogli

chiusi nei covoni

di spinose spighe .


Sentore di pesante polvere

appare sul filare.


Brusio di foglie,

senza veste ne ombra,

né tempo di raccolta,

acciglia il manto

ai cieli d’Autunno


---

 

Con questa poesia, Maria Sale si è classificata prima al 25° concorso “Sant’Antoni de su o’u” – sezione senza rima - di Mamoiada, nello scorso mese di Gennaio.

Le nostre più vive congratulazioni alla nostra concittadina, accompagnate dall’augurio che la sua vena poetica continui a sgorgare generosa per regalarci versi tanto significativi quanto delicati.

Per il godimento suo e nostro. (c.p.)

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Febbraio 2016 00:31
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):