Home » Limba Sarda » Varie » Masaleddu si ch’est andadu

Immagini del paese

Immagine 007.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11072711

Notizie del giorno

 
Masaleddu si ch’est andadu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 13
ScarsoOttimo 
Mercoledì 14 Ottobre 2015 19:47

Poete coragiosu cantende puru cun collegas famados chi lu podian massacrare, trunchèndeli sa carriera innantis de la comintzare

di Salvatore Patatu

 

Cun sa morte de Màriu Màsala si ch’est andadu unu de sos ùltimos duos eredes de sos poetes mannos chi ancora resistiant in palcu.

Fit nàschidu su 23 de trìulas de su 1935, in Silanus; e inie at sempre vìvidu. At comintzadu a cantare giòvanu meda, chi aiat apena sèighi annos, in una gara in bidda sua, ue b’aiat tres munimentos mannos de sa poesia a bolu: Cicciu Piga, Andria Nìnniri e Remundu Piras.

De custos tres, tiu Remundu fit su pius giòvanu e at bidu sas potentzialidades de custu piseddu: e, massimu a totu, nd’at ammiradu su coragiu chi aiat àpidu a cantare cun poetes famados chi lu podian massacrare, trunchèndeli sa carriera innantis de la comintzare. Mancari tiu Remundu eperet àpidu trintannos in pius de issu, si l’at seberadu a cumpanzu. E cando calecunu de sos cummitados lu preguntaiat cale cumpagnu preferiat, issu cussizaiat de giamare a Màriu Màsala.

At comintzadu gai un’amistade chi est addurada finas a sa morte de Piras. Antzis, tiu Remundu est su chi l’at batijadu non solu in palcu, ma puru dèndeli su nomen de bataglia cun su cale Màriu Màsala fit connotu: Masaleddu.

Sa carriera sua est istada longa e piena de astifassiones e sutzessos. At cantadu puru cun Barore Tuccone e cun Barore Sassu, su cale in s’incomintzu de un’otada li narzeit:

Tue ses de sa mia iscuderia,

prite so deo chi t’apo allevadu.

Addaghi t’apo intesu l’apo nadu:

“Custu resèssit bonu in poesia”.

A propòsitu de custu fatu, Piras, chi teniat un’ironia meravizosa, in una gara cun Sassu, burulende subra a custa fama de Barore, chi aggiuaiat sos printzipiantes e los allevaiat, l’at cantadu custa otada:

Barore de sos òrfanos at dolu

e fatu s’at sa mandra in su Parnasu.

Su late sou est bonu a bier solu

a su cabiju dèndeli unu ‘asu.

Ma si lu ‘etas in su labiolu

e chi ti proas a bi fagher casu,

addaghi l’iscumbatas cun su giagu,

bi ‘essit soru meda e casu pagu.

Ma sos poetes cun sos cales Màsala at cantadu de pius, a parte tiu Remundu, sun Pepe Sozu de Bonorva, Antoni Pazzola de Sènneru, Giuanne Seu de Tzaramonte, Brennardu Zizi de Onifai e Frantziscu Mura de Silanus che a isse.

Fit unu de sos poetes pius lestros fatende s’otada; e custu fatu creaiat problemas a su cumpagnu, massimu a totu cando cantaian in duos solu e no in tres, ca li daiat pagu tempus pro si pensare sa risposta. Aiat una boghe bella e tenorile, educada e curada, chi lu agiuaiat meda in su rèndere s’otada aggradessida a sa zente chi l’iscultaiat incantada.

Non b’at bidda in Sardigna, ue Masaleddu no epat cantadu. Ma est pigadu puru a palcos de continente e de s’èstero, pro cantare in sos cìrculos sardos. Deo l’apo incrociadu una ‘olta in nave cun tiu Giuanne Seu, Pazzola e Mura, chi fin torrende dae Germania. In nave su note est paga sa zente chi b’at drommidu, ca semus istados tota note serenende e cantende, umpare a un’esèrcitu de emigrados, chi fin torrende a sas biddas insoro pro sas fèrias.

At cantadu boltas meda puru in Tzaramonte. M’ammento una gara in particulare, pro sa festa de sos bajanos, cun tiu Remundu Piras e cun tiu Bainzu Truddaju. Tiu Bainzu fit torradu a cantare in palcu daboi de tantos annos e fit unu pagu timerosu. Tando tiu Remundu l’incoragiaiat, fatèndeli tantos isèmpios chi, dae pius a mancu, aian custu significu: “Non bides comente so reduidu. So betzu e no apo pius boghe. Tue as a leare su postu meu”.

Tando Masaleddu, chi fit espertu e connoschiat bene sas règulas de sa gara, si ch’est tzacadu in mesu pro apentare su pùblicu e at tentadu de pùnghere a Piras, chi, cando lu pretzipitaian, daiat su mezus de se.

E l’at cantadu custa otava:

Remundu at sa bena sempre abelta

e narat su poete de ‘Iddanoa,

chi como si ritiret est a proa,

ma creo non l’at a fagher a s’isvelta.

Ca issu faghet chei sa tzilighelta

mancarri morta tratende sa coa.

Su corpus paret chi siat morzende

ei sa coa a friastimos brinchitende.

E Piras l’at rispostu:

Gia l’isco chi su poeta de ‘Iddanoa

como chi si ritiret est apitu.

Tantu como non poto fagher proa

e gia est mezus chi m’abarre tzitu.

Ma si a boltas deo trato sa coa

est solu a mi catzare su muschitu.

Pro chi musca o muschina mi provochet

trato sa coa pro chi non mi tochet.

E Masala:

Cun sa coa ti catzas sa muschina,

ma non cussa chi punghet che isprone.

Ma Ista atentu e in mente ti pone

chi non b’est solu sa musca caddina.

Ammenta chi b’est puru su muscone

chi ti punghet in petus e in ischina.

E b’at pagu de fàghere e discùrrere,

cussu ti punghet e ti faghet cùrrere.

Sa risposta de Piras:

L’isco sa musca istat bola ‘ola

ei su caddu punghet che isprone;

e poi b’at puru calchi muscone

chi at imparadu de pungher s’iscola.

Ma cussa musca apoi de s’istajone,

addaghi ‘enit su fritu, morit sola.

Pro cussa oriolu non mi leo

non b’at bisonzu de la ‘ochire deo.

Masala aiat custa capatzidade, comente l’aiat puru tiu Giuanne Seu, de atacare calesisiat cumpanzu chena li timire su tzufu, ca su primu intentu de su poete est cussu de allegrare e rèndere interessante sa gara. At incisu puru paritzos discos cun temas, modas e sonetos, umpare a Pazzola e a Zizi.

Como riposat in paghe santa in su campusantu de Silanus, sa ‘idda chi l’at dadu sos nadios e in sa cale at campadu dae sa nàschida finas a morte.

Chissà si at ocasione, como, in cuddu mundu, de ammanizare bellas garas cun totu sos mannos chi l’an pretzèdidu!


N.B.: Sos versos tzitados los apo iscritos a mente e calchi cosighedda podet cambiare, ma sun giustas sas rimas e sos cuntzetos.


---

 

Traduzione in italiano, a cura dell’autore

 

Con la morte di Mario Masala, se ne va uno degli ultimi eredi dei grandi poeti cantori e improvvisatori che ancora resistevano sui palchi di Sardegna.

Era nato il 23 luglio del 1935 a Silanus, in provincia di Nuoro e lì ha sempre vissuto. Ha iniziato la sua carriera quand’era molto giovane. Aveva soltanto sedici anni quando salì sul palco del suo paese, dove si svolgeva una gara poetica con tre veri e propri monumenti sacri della poesia sarda improvvisata: Francesco Piga, Andrea Nìnniri e Raimondo Piras.

Quest’ultimo era il più giovane dei tre esperti colleghi e ha intravisto subito le potenzialità del giovane Masala. Soprattutto ne ammirò il coraggio dimostrato, andando a competere con poeti famosi che potevano distruggere la sua carriera ancor prima che avesse inizio. Nonostante la differenza d’età, Piras, che aveva trent’anni più di lui, lo scelse come suo potenziale compagno. E, quando qualche comitato di festeggiamenti gli chiedeva chi poteva accompagnarlo in gara, Piras rispondeva che avrebbe preferito Mario Masala.

Ha avuto inizio così un’amicizia che è durata fino alla morte di Raimondo Piras. Anzi, zio Raimondo (come tutti in Sardegna chiamavano il grande poeta) è colui che lo ha tenuto a battesimo, non solo in palco, ma anche dandogli il nome di battaglia col quale Mario Masala era conosciuto: Masaleddu.

La sua carriera è stata lunga e luminosa; colma di soddisfazioni e successi. Ha cantato anche con Salvatore Tucconi e con Salvatore Sassu, il quale, nei primi quattro versi di un’ottava gli disse chiaramente:

Tu appartieni alla mia scuderia

Perché mi sento di averti allevato.

Quando ti ho sentito, ho esclamato:

“Questo diventerà un gran poeta”.

A tal proposito, Piras, che aveva un’ironia istintiva che lo rendeva simpatico, in una gara dove cantava col Sassu, ironizzando sul fatto che questi aiutava i principianti, dicendo che li aveva allevati ed erano stati suoi discepoli, gli cantò questa ottava:

Barore (Salvatore Sassu) degli orfani ha compassione

e un allevamento nel Parnaso ha organizzato.

Il suo latte è gustoso solo al palato

Succhiandolo direttamente dalla sua mammella.

Ma se lo versi dentro il paiolo

e lo assembli con il caglio,

quando finisci l’operazione,

ottieni molto siero e poco formaggio.

Era uno dei poeti più veloci nel costruire l’ottava; e questo fatto creava non pochi problemi al collega che doveva cantare dopo di lui, soprattutto se sul palco erano solo in due e non in tre, come di solito accade, perché il compagno aveva poco tempo a disposizione per costruire la risposta.

Possedeva una bella voce dalle sfumature tenorili, ben educata e impostata, che lo aiutava molto nel rendere l’ottava gradita alla gente che lo ascoltava incantata.

Non c’è paese in Sardegna dove Masaleddu non si sia esibito. Ma è stato spesso presente nei palchi del continente italiano e all’estero, ospite dei numerosi circoli sardi sparsi per il mondo. Io l’ho incontrato una volta in nave, con Giovanni Seu, Antonio Pazzola e Francesco Mura, che rientravano tutti da una trasferta in Germania.

Quella notte, molti passeggeri non sono andati a dormire in cuccetta, in quanto abbiamo passato la notte sotto il cielo stellato, cantando insieme a un esercito di emigrati sardi che rientravano in Sardegna per le ferie.

Ha cantato numerose volte anche a Chiaramonti. Ricordo una gara in particolare, per la festa degli scapoli, dove si è esibito con Gavino Truddaju e Raimondo Piras. Truddaju ero tornato a fare gare dopo molti anni di assenza. Aveva un carattere umile e schivo e dimostrava troppa riverenza nei confronti del suo compagno più anziano. Allora, Piras, lo invitò a prendere coraggio, facendogli degli esempi che possono essere sintetizzati in poche parole: “Vedi come sono vecchio, ho quasi perso la voce. Tu prenderai il mio posto”.

Allora, Masaleddu, che conosceva benissimo le regole che governano una gara poetica, si è infilato dritto dritto nel discorso per far divertire il pubblico, tentando di provocare Piras, il quale, quando era punzecchiato, riusciva a dare il meglio di sé. E gli ha cantato questa ottava:

Raimondo ha la vena sempre fervida

e dice il cantore di Villanova,

che è arrivato il tempo di ritirarsi dalle gare,

ma credo che non lo farà tanto presto,

perché lui è come la lucertola

anche da morta agita la coda.

Vedi che il corpo la vita sta lasciando

e la coda che saltella bestemmiando

E Piras gli ha risposto:

Lo so che per il poeta di Villanova

è giunto il momento di ritirarsi.

Tanto, adess,o non posso più dare alcuna prova,

per cui è meglio che resti zitto per sempre.

Ma, se talvota agito la coda,

è solo per scacciare i moscerini che mi ronzano intorno.

Per evitare che mosche o moscerini mi provochino

agito la coda perché non mi tocchino.

E Masala:

Con la coda tieni lontani i moscerini,

ma non le mosche che pungono come gli speroni.

Ma, fai attenzione e tienilo bene in mente,

che non esiste solo la mosca cavallina.

Ricorda che esiste anche il moscone

che ti martoria il petto e la schiena.

E c’è poco da fare e da discorrere,

quello ti punge e ti costringe a correre.

La risposta di Piras:

Lo so, la mosca sta sempre in volo

e il cavallo punge come uno sperone;

e poi esiste anche il bel moscone

che ha appreso l’arte del pungere.

Ma quel moscone, a fine stagione,

quando arriva il freddo muore da solo.

Certamente non è un problema mio,

non c’è bisogno che l’ammazzi io.

Masala possedeva questa capacità, come la possedeva anche Seu, di attaccare il collega di palco senza alcuna paura, in quanto il primo dovere del poeta improvvisatore è quello di movimentare e rallegrare la gara rendendola divertente e interessante.

Ha inciso anche numerosi dischi, cantando sonetti, discutendo temi con Zizi e Pazzola. Ha inciso anche alcune modas.

Ora riposa in pace nel cimitero di Silanus, il paese che gli ha dato i natali e in cui ha vissuto fino alla morte.

Chissà se avrà l’occasione, lassù, nell’altro mondo, di organizzare belle gare di poesia con i grandi poeti che lo hanno preceduto.

 

 

N.B.: i versi citati li ho trascritti servendomi della sola memoria e qualcosa potrei averla ricordata male. Ma son sicuro di aver ricordato perfettamente le rime finali e i concetti espressi.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Ottobre 2015 20:41
 
Commenti (1)
Povera italia
1 Domenica 14 Febbraio 2016 12:29
FLORIS SANDRRO
Ciao Mario, io sono stato sempre un tuo grande ammiratore, soprattutto ho sempre ammirato la tua voce e il modo di comporre l'ottava. Eri uno dei più bravi, o forse il più bravo, e ho sentito tante tue belle gare sia al mio paese che altrove.
Resterai semprenei nostri cuori. Riposa in pace.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):