Home » Limba Sarda » Sale Maria » Bramas

Immagini del paese

Castello 15.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11274066

Notizie del giorno

 
Bramas PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Martedì 14 Luglio 2015 11:34

di Maria Sale

 

Bestigas trinas

Messadoras de lughe

cun appalpos de astrau

aporrit

s’ala ‘e su sero.

Grunada est s’umbra

assaccarrende asciuzas

peri sas semidas

de su torradolzu.

Sa chijura est sizende

reduende

a istrintolzu

s’andamenta,

ischimuzos e alenos

grisados

s’intenden azigu.

Pumas lebias

rodulana a mare

e fozas de mendula

in sa terra fritta

s’incascian.


Bentu inconnottu

truncat siziglios

e iscappat

sonnios remonidos;

ma it’est cust’apore

chi afferrat

e ligat

chen’esser serradu?

Sa notte ssi unghet de chera.


Su coro toccheddat

inganidu

e bramas de vida

allughen s’iscurorigore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Traduzione, a cura dell’autrice

 

Ansie

 

Verghe grigie

mietitrici di luce

col gelido palpare

porge

l’ala della sera.

China è l’ombra

ricoprendo scaglie

fra i sentieri

del ritorno.

La siepe s’avvicina

riducendo

il passaggio

una strettoia.

Strepiti e respiri

nascosti

si odono appena.

Piume lievi

rotolano a mare

e foglie di mandorlo

nella terra fredda

s’incastrano.


Vento sconosciuto

spezza sigilli

e libera

sogni segreti;

ma cos’è quest’angustia

che acchiappa

e lega

senza farsi notare?

La notte si unge di cera.


il cuore batte

voglioso

ed ansie di vita

illuminano l’oscurità.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, edes, Sassari 2015, pagg. 32-35

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Luglio 2015 13:05
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):