Home » Eventi » Il compleanno dell'Italia Unita

Immagini del paese

PIC00096.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11344476

Notizie del giorno

 
Il compleanno dell'Italia Unita PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 55
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Venerdì 18 Marzo 2011 14:13

Celebrato a Martis il 150° anniversario dell'unità, in forma solenne e con larga partecipazione di popolo

 

A Martis, ieri sera, abbiamo vissuto momenti di grande emozione. Un piccolo Comune, guidato da menti illuminate, ha saputo promuovere e organizzare, col contributo della Provincia, una manifestazione di spessore notevole, degna della ricorrenza che si è celebrata: i 150 anni dell'Unità d'Italia.

Tanti i martesi e molti gli ospiti giunti dai paesi del circondario a fare da cornice adeguata alle quattro bande musicali convenute da Sassari, Ozieri, Ittiri, Villanova Monteleone; e alla fanfara dei Bersaglieri della sezione di Iglesias. Tutte accolte con applausi scroscianti e convinti.

Il tempo meteorologico si è messo di traverso: una pioggerellina, insistente quanto fastidiosa, ha impedito al raduno bandistico di snodarsi per le vie del centro storico, come da programma. Saggiamente, l'intera manifestazione si è trasferita al centro polivalente Sa Tanca 'e Idda, mai come in questa occasione preso d'assalto da una marea di autorità, musicisti e spettatori.

Comunque, sia pure stipata all'inverosimile, la sala ha accolto tutti. Musicisti e non. Lasciando posto sufficiente anche alle emozioni. Che, ricorrenti e intense, si sono susseguite per tutta la durata dello spettacolo. Tanto da sfociare, talvolta, nella commozione fino alle lacrime.

Il sindaco Piero Solinas ha fatto gli onori di casa, rivolgendo il saluto e un grazie sentito agli intervenuti, fra i quali i rappresentanti della Provincia e della Regione ai massimi livelli, oltre ad alcuni sindaci del circondario. Fra i quali non c'era il nostro.

Solinas ha pronunciato un discorso alto e ispirato. Soprattutto all'attualità, che vede i piccoli Comuni in sofferenza, i lavoratori in lotta per conservare il posto e i giovani che di lavoro non ne trovano. Il suo pensiero solidale è andato anche agli operai della Vinyls da un anno reclusi all'Asinara e al movimento dei pastori che lotta per la sopravvivenza della gente di campagna. Molti e prolungati gli applausi; le voci di consenso pure.

Ciascuna delle quattro bande musicali, composte in prevalenza da giovani, ha eseguito due pezzi, siglati con applausi calorosi. Alla fanfara dei Bersaglieri di Iglesias sono andati consensi esclusivi, espressi in maniera particolarmente affettuosa.

Per concludere, e questo è stato senza dubbio il momento più emozionante, bande e fanfara hanno eseguito, tutte insieme dirette dal maestro Salvatore Moraccini, il Va' Pensiero e l'Inno di Mameli. Il pubblico, in piedi, si è unito cantando in coro. Ci siamo commossi e abbiamo applaudito a lungo. Grati al Comune di Martis e alle formazioni bandistiche per averci regalato un paio d'ore di commozione intensa. Oltre che un’occasione felice per riconciliarci col Tricolore e con la parola Patria. E Dio sa se ce n'è bisogno, dati i tempi che corrono. Poi tutti a prendere d'assalto il ricco buffet, allestito nei locali della ex scuola elementare.

Possiamo affermare senza esagerazione di avere partecipato a un evento all'altezza della ricorrenza da celebrare. E che, nell'intento dell'Amministrazione provinciale, voleva essere il contributo dei Comuni della nostra Provincia ai festeggiamenti per il 150. compleanno dell'Italia Unita.

Viene da chiedersi (e più d’un chiaramontese se l’è chiesto): perché mai la Provincia ha scelto Martis come sede dell’avvenimento e, tanto per dire, non Chiaramonti? Semplice: Martis ha replicato subito, positivamente e con un progetto, all'invito formulato al riguardo ai Comuni dall'assessore provinciale alla Cultura. Il sindaco di Chiaramonti, al pari di altri, ha lasciato perdere. Non ha nemmeno risposto.

Dunque: si poteva farla a Chiaramonti tale manifestazione? Certo che no. Mancando il presupposto essenziale: l'adesione del nostro Comune. Che non c'è stata.

P.S.: le foto illustrano alcuni momenti della manifestazione

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Marzo 2011 19:40
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):