Home » Carlo e Tonina » Le ricette di Tonina » Le formaggelle

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 5.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 2849231

Notizie del giorno

 
Le formaggelle PDF Stampa E-mail
Domenica 16 Marzo 2008 22:06

Pasqua è ormai alle porte; proponiamo pertanto la ricetta (nella versione chiaramontese) di un dolce pasquale tradizionale sardo molto noto: la formaggella.

Prima di tutto, preparare la pasta di formaggio nel rispetto nelle seguenti dosi:
- Kg. 3 di formaggio pecorino fresco grattugiato
- la buccia grattugiata di tre/cinque arance
- hg 0,5 di uva passa o altra quantità a piacere
- 1 tuorlo d'uovo
- hg 1,0 o più di farina doppio zero per 1 Kg di formaggio
- hg 8 di zucchero
- 3 bustine di lievito Bertolini
- una spruzzata di prezzemolo finemente tagliuzzato (a piacere).
Il tutto deve essere amalgamato per bene. Un'avvertenza: le dosi dello zucchero e della farima doppio zero potrebbero subire qualche piccola variazione a seconda del grado di acidità del formaggio. Al riguardo c'è da dire che soccorre soltanto l'esperienza.

Quindi passare alla preparazione della pasta di farina. Ecco le quantità:
- 1,5 Kg di farina doppio zero + hg 5 di semola o "granitu"
- hg 6 di zucchero preventivamente sciolto in un po' d'acqua calda
- hg 6 di strutto.

Lavorare bene e a lungo la pasta, con la quale devono essere realizzate, con la macchina regolata sul punto 3, sfoglie di forma circolare del diametro di 15 centimetri circa. Collocarvi al centro un quantitativo adeguato di pasta di formaggio. Ripiegare verso l'alto i bordi della sfoglia rimasti liberi (cm. 2,5 circa) e fermarli "pizzicandoli" lungo la circonferenza col pollice e l'indice. Alla fine deve risultare una specie di tortina, con fondo e bordo di sfoglia, riempita di pasta di formaggio. Sulla quale sarà bene realizzarvi un disegno a piacere con uno "spaghetto" di pasta. Spennellarvi sopra uno sbattuto d'uovo per renderne lucida e di aspetto più gradevole la parte superiore. Collocare le le formaggelle in aposita teglia e cuocere al forno riscaldato a 180°.

Se conservate in ambiente fresco, le formaggelle si mantengono molto bene per una decina di giorni. Tuttavia, prima della consumazione, è bene riscaldarle al forno, per riportarle al loro stato originario. Le stesse, dopo la cottura e il successivo raffreddamento, possono essere riposte per un lungo periodo nel congelatore. Ovviamente, prima della consumazione, devono essere scongelate e opportunamente riscaldate.

Buona degustazione!

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Giugno 2012 16:43
 
Commenti (2)
saluti
2 Mercoledì 06 Aprile 2011 23:14
sandra
tanti cari saluti da me e da mamma

---

Grazie. Ricambio saluti cari a entrambe. (c.p.)
Il Bel Sapore di Sardegna
1 Lunedì 31 Marzo 2008 04:21
Bill & Mary Lou Meers
Tonina,

Faremo-- o Beniamino che è un bravo cuoco farà --questa ricette per farci ricordare il nostro sogiorno in Sardegna e la generosa ospitalità sarda.

Grazie!

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):